News




Robertozeno per l'associazione Vitruvio

Torna indietro


Alcuni mesi fa, leggendo un articolo su una rivista inglese di settore, mi sono imbattuto in una serie di dati statistici sul gettito reddituale al quale molte realtà europee sono costrette a rinunciare per la mancanza di politiche di valorizzazione e percezione delle proprie risorse territoriali; quel gettito che sarebbe garantito da un “naturale” utilizzo di tali risorse e che proverrebbe dal comparto turistico. Nessuna sorpresa nel ritrovare in quell’elenco molte località campane sebbene, va detto, in ottima e sorprendente compagnia. Quella dell’ Associazione Vitruvio rappresenta un’iniziativa dalla duplice valenza: da un lato il messaggio chiaro che le menti pensanti ed agenti sono in grado trascendere i limiti della mera denuncia o semplice istanza, “facendo piuttosto che parlando” e dall’altro l’iniziativa dei singoli soggetti di interesse per la comunità è facile raccogliere l’adesione di altre menti pensanti ed agenti e mettere le basi per un percorso serio di valorizzazione del territorio.

FU…TURISMO, è il titolo dell’iniziativa e sintetizza con grande intuizione l’attuale stato delle cose in una chiosa nostalgica e nello stesso tempo la certezza di poter disporre in futuro di un congruo afflusso di turisti da tutto il mondo. L’iniziativa, come detto, prende le mosse dall’impegno di professionisti del territorio e per la serietà e la passione che gli stessi hanno dimostrato, ha registrato l’adesione attiva di una realtà imprenditoriale che negli ultimi anni si è affermata sul mercato nazionale ed internazionale proprio attraverso un “plus” peculiare del territorio d’origine: l’eccellenza dello stile italiano.

Roberto Zeno insegna che cavalcando il vantaggio competitivo “naturale” di un’impresa italiana, anche attraverso scelte coraggiose nessun obiettivo è precluso. Allora il sodalizio coll’Associazione Vitruvio e con l’iniziativa spontanea  FU…TURISMO può produrre risultati altrettanto significativi ed è quanto tutti noi, innamorati della nostra terra, auspichiamo.